La Zakat in termini pratici: la storia di Khadija

Decesso, debiti, inverno e isolamento: come la Zakat ha aiutato Khadija* e i suoi bambini a superare tutto questo.

Rifugiati dalla Siria, Khadija è arrivata con la sua famiglia nella Svizzera sperando così di iniziare una nuova vita. Un anno dopo essersi stabilita, Khadija perde suo marito che muore a causa di una grave malattia e si ritrova da sola con tre bambini.

La crisi del Covid-19 unita all’isolamento non facilita la vita di Khadija. Né lei né i suoi figli conoscono la lingua. Dopo la morte del marito, Khadija e i suoi bambini si sono improvvisamente trovati sommersi dalle spese per la sepoltura, da quelle per il trasloco e da un accumulo di debiti e bollette non pagate. La situazione è diventata molto difficile per Khadija e per i suoi figli, in quanto si trovavano confinati e conoscevano pochissime persone nel luogo in cui sono andati a vivere. Di fatto, le varie preoccupazioni finanziarie di Khadija non le permettevano più di provvedere alle necessità dei figli in modo adeguato, né di comprare loro dei vestiti adatti per l’inverno.

Qualche settimana più tardi, un conoscente la informa dell’esistenza della Fondazione Svizzera per la Zakat (FSZ). Khadija non esita a rivolgersi alla FSZ. Unendo diversi tipi di competenze (sociali, psicologiche e giuridiche) attraverso i servizi sociali, la FSZ è riuscita a fornire sostegno e assistenza a Khadija. Con un approccio che tenesse conto di tutti gli aspetti della vita la FSZ è riuscita a sostenere Khadija permettendole così di soddisfare i bisogni primari.

In questo modo, Khadija è riuscita a superare con i suoi bambini i lunghi mesi invernali senza doversi preoccupare della spesa, di eventuali azioni penali o delle bollette non pagate. Parallelamente, i nostri assistenti sociali continuano ad aiutarla nella gestione del suo budget affinché possa tornare ad avere una situazione stabile, serena, senza debiti e in modo che non debba affrontare processi. Qui in Svizzera, la vostra Zakat fa la differenza.

Redazione FSZ

*Khadija non corrisponde al nome reale

Questo racconto è basato su una storia vera

CORRELATO ALL'ARTICOLO