Missione

La missione della Swiss Zakat Foundation è quella di stabilire il pilastro della Zakat, supportando le comunità musulmane nel calcolare, raccogliere e distribuire le loro responsabilità della Zakat secondo la guida divina nell’Islam.

Con le categorie di distribuzione ordinate divinamente al centro della nostra preoccupazione, lavoriamo instancabilmente per creare ecosistemi che soddisfino veramente il terzo pilastro dell’Islam in tutte le comunità in cui serviamo.

Visione

Vedere la Zakat è stabilita in linea con le scritture divine che portano fede e prosperità per tutti. Laddove la Zakat adempie veramente al suo scopo ed è il modello di veicolo di finanza sociale per le parti interessate che perseguono giustizia, dignità e autosufficienza per i loro familiari a carico.

Inoltre, fa parte della nostra visione fornire piena trasparenza a tutti gli utenti. Questo ci aiuterà a diventare un marchio riconosciuto in tutta la Svizzera.

Valore aggiunto attraverso la fiducia

Il nostro obiettivo è di essere l’istituzione svizzera di Zakat più affidabile e riconosciuta che lavora a beneficio dei musulmani svizzeri e della società nel suo insieme. Istituendo una Fondazione per la Zakat, non miriamo solo a raggiungere i nostri obiettivi, ma anche a consentire alla comunità musulmana – attraverso la Zakat – di essere un vero valore aggiunto per la società svizzera.

Squadra

Il nostro team è composto da persone che credono nel fatto di portare Zakat a vivere in Svizzera come un modo per aiutare i singoli, costruendo al tempo stesso una comunità fiorente e più vicina, proprio dove viviamo. Il nostro approccio è unico: garantire che ogni aspetto del processo di Zakat sia monitorato e costantemente migliorato.

Saâd Dhif (Presidente del Consiglio di fondazione)

Nato e cresciuto a Friburgo, in Svizzera, Saâd è attivo da diversi anni nella comunità musulmana in Svizzera, dove ha co-fondato l’associazione Frislam, un’iniziativa popolare friburghese. Ha conseguito il master in economia politica presso l’Università di Friburgo e l’Università di Ottawa in Canada e attualmente lavora nel settore dell’investment banking a Zurigo. Saâd è anche un ufficiale dell’esercito svizzero dove attualmente è capitano e comandante di compagnia.

Lejla Dauti Medii

Lejla è una giurista e lavora attualmente come rappresentante legale per i richiedenti asilo presso il Centro federale per l’asilo per la protezione giuridica HEKS. Lejla è anche vicepresidente dell’organizzazione mantello delle comunità islamiche della Svizzera orientale e del Principato del Liechtenstein (DIGO). Prima Lejla lavorava in uno studio legale di San Gallo, in un’agenzia per la tutela dell’infanzia e in un ufficio per l’integrazione. È cresciuta in Macedonia ed è arrivata in Svizzera all’età di diciassette anni, dove ha studiato legge all’Università di San Gallo. Oltre alla sua attività professionale, Lejla ha sempre lavorato nel settore del volontariato. Lejla è attiva da tempo nel dialogo interreligioso e interculturale.

Naveed Khan

A Zurigo, Naveed è a casa. È lì che è cresciuto e dove ha studiato farmacia al Politecnico di Zurigo. In seguito, ha scritto la sua tesi di master al Dana-Farber Cancer Institute di Boston. Attualmente lavora per un’azienda farmaceutica di ricerca in Svizzera.
Durante gli studi, si è offerto volontario come membro del comitato e presidente di un’associazione giovanile musulmana chiamata “Ummah”, dove ha contribuito ad organizzare progetti volti a coltivare un’identità musulmana svizzera fiduciosa e consapevole tra le persone cresciute in Svizzera. È anche il co-fondatore di “Project Insert”, un luogo dove i musulmani possono organizzare, discutere ed imparare.